30 giugno 2013

Perché molti genitori hanno deciso di non vaccinare più?

Qualche settimana fa, quando avevo appena iniziato ad informarmi sui vaccini, ero incuriosita dalle motivazioni che spingevano alcuni genitori a non vaccinare i loro bambini... così mi sono iscritta al gruppo fb COMILVA e ho indetto un sondaggio per confrontare le loro risposte (in privato) con quelle di Michele Grandolfo .

Dal momento che ancora non sapevo praticamente nulla sulle idee e proposte del COMILVA, ammetto di aver inserito opzioni di risposta anche molto fantasiose, ma qui riporterò solo quelle votate. Non posso calcolare le percentuali perché il sondaggio era a risposta multipla, per cui riporterò il numero dei voti per opzione:
  • "il rapporto rischi/benefici non mi convince", 63 voti;
  • "non mi fido dei vaccini", 16 voti;
  • "ritengo sia inutile", 11 voti;
  • "ritengo le vaccinazioni ormai superate", 1 voto.
Dalle risposte e dai commenti ottenuti ho dedotto che dietro una decisione così drastica non ci fossero semplicemente motivi ideologici o sfiducia nella sanità italiana, ma studi internazionali, dati statistici, grafici e conoscenza di casi di danni da vaccino ... Danni da vaccino? -mi sono chiesta- Come è possibile? (ero abbastanza scettica, considerando che con i primi due figli non mi era mai successo niente del genere, nonostante avessero ricevuto tutti  vaccini, sia obbligatori che facoltativi)... quindi ho iniziato a fare ricerche, prendendo spunto proprio da alcuni commenti al sondaggio.

Ho scoperto molte cose sui vaccini, che mai avrei immaginato, sugli eccipienti e gli adiuvanti, sul loro possibile effetto sull'organismo di un bambino di pochi mesi, dovuto anche al fatto che i vaccini vengono iniettati intramuscolo ... e tuttavia ancora mi pongo domande a cui non so rispondere ... Quella sui vaccini è una ricerca infinita, ma necessaria, perché poche persone nelle Asl sono disposte (per motivi di tempo e/o di competenze) a fornire tutte le spiegazioni necessarie e in maniera oggettiva, a concedere  un colloquio preventivo, a fornire spontaneamente bugiardini e informazioni sugli effetti collaterali dei vaccini che dovrebbero iniettare ai nostri piccoli ... 

Pochi di essi tengono conto dello stato d'ansia che pervade i genitori quando si tratta della salute dei loro figli, soprattutto quando conoscono da vicino casi di danno da vaccino più o meno gravi o di inefficacia. E non mi sorprende che con i casi di corruzione e di problemi legati alle vaccinazioni (veri o presunti che siano, non entro nel merito) saliti agli onori della cronaca, in assenza di informazioni oggettive, alcuni genitori decidano di non vaccinare ... e si vadano ad informare altrove.

Sull'opportunità o meno di vaccinare non mi esprimo, ma invito chi non lo avesse ancora fatto avendo dato per scontato che i vaccini siano tutti necessari (dall'antipolio all'antinfluenzale) ad informarsi valutando tutti i rischi connessi, prima di trarre IN TOTALE AUTONOMIA le proprie conclusioni.